Camera di Conciliazione Forense Picena

AVVISO CHIUSURA SEGRETERIA MESE DI AGOSTO

Stante la chiusura della segreteria dell'Organismo di Mediazione Forense Picena per tutto il mese di Agosto c.a., si avvisa che la segreteria dell'Ordine degli Avvocati per il periodo dal 05/08/2016 al 31/08/2016 provvederà ad accettare il deposito delle sole richieste di mediazione in scadenza.

Dal giorno 01/09/2016 riprenderà il normale servizio.

Articolo de Il Sole 24 Ore di Giovedì 3 Marzo 2016

MARINARO_-_t._ascoli_ctu_-_SOLE_2016-03-03.JPG

Istruzioni per il riconoscimento del credito di imposta sulla mediazione

Si ricorda a tutti gli avvocati che per il riconoscimento del credito di imposta stabilito dall'art. 20 del D. Lgs. n. 28/2010 è necessario compilare il modulo E) ALLEGATO PER FATTURA presente nella sezione MODULISTICA del sito web.

Si consiglia altresì:

1) di far effettuare il bonifico alla parte, di conseguenza la fattura verrà intestata allo stesso soggetto;

2) di non far effettuare il singolo bonifico a più soggetti (persone fisiche) in quanto la fattura non può essere emessa con pluri-intestazione.

Mediazione: responsabilità aggravata per gli assenti

L’ente pubblico territoriale che non partecipa alla mediazione demandata dal giudice senza addurre un giustificato motivo assumendo volontariamente una condotta deresponsabilizzata, può essere condannato ex officio a risarcire il danno per responsabilità processuale aggravata, cui può seguire anche un danno erariale da segnalare alla Procura generale della Corte dei conti. Sono le conclusioni cui perviene un’ampia ed articolata sentenza del Tribunale di Roma (estensore Moriconi) del 17 dicembre 2015 che costituisce un precedente particolarmente significativo sul tema della valutazione della condotta della parte invitata in mediazione e sugli strumenti sanzionatori applicabili nel caso di ingiustificata partecipazione.

Mediazione_responsabilit_aggravata.pdf

2015-07-09

Statistiche sulla Mediazione primo trimestre 2015

Sono state pubblicate dal Ministero le statistiche ufficiali sulla mediazione relative al periodo 1° Gennaio-31° Marzo.

Mediazione-civile-al-31-marzo-2015.pdf

2015-05-18

Proposta del Mediatore sulla base di una CTU in mediazione anche in assenza della parte chiamata

La giurisprudenza di merito sulla mediazione si è arricchita dell’ordinanza 9 aprile 2015 Tribunale di Roma, XIII Sez., G. Massimo Moriconi, che ha di nuovo affrontato il tema della consulenza tecnica in mediazione, già trattato in passato da questa sezione, arricchendolo con la tematica relativa alla possibilità di espletarla anche in caso di assenza della parte chiamata e della possibilità di basare la proposta ex art. 185 proprio sulla Consulenza tecnica in questo modo formatasi.

Ordinanza_Moriconi_2015_consulenza_tecnica_in_mediazione.pdf

RIPRISTINATE LE SPESE DI AVVIO

La Camera di Conciliazione Forense Picena, con delibera del 23 Aprile 2015, ha ripristinato, in ottemperanza all'Ordinanza del Consiglio di Stato, le spese di avvio del primo incontro di mediazione di € 40,00 +IVA.

Delibera_OdM_ripristino_spese_avvio.pdf

2015-04-22

MEDIAZIONE - Ripristinato il pagamento delle spese di avvio (Cons. St. ord. 22.4.2015)

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale - Sez. IV - Pres. Paolo Numerico, Est. Raffaele Greco, con ordinanza del 22 aprile 2015 ha accolto l'istanza cautelare avuto riguardo alle spese di avvio per il primo incontro della procedura di mediazione.

Il Consiglio di Stato ha chiarito che le spese di avvio devono essere considerate quale "onere connesso all'accesso ad un servizio obbligatorio ex lege per tutti coloro che intendano accedere alla giustizia in determinate materie".

Le spese di avvio tornano, dunque, ad essere dovute, almeno fino alla sentenza che definirà il giudizio di appello.

Ordinanza

2015-03-05

Importo spese vive per gestione pratiche mediazione

Con delibera del Consiglio Direttivo della Camera di Conciliazione Forense Picena, in ottemperanza a quanto previsto dalla sentenza del TAR Lazio n. 01351/15, si è stabilito che l'importo delle vive necessarie allo svolgimento del primo incontro informativo, possa essere determinato in € 30,00 oltre IVA, per ciascuna parte interessata a svolgere il primo incontro di mediazione, da imputarsi a costo di gestione per l'amministrazione della pratica.

In allegato copia della Delibera_Consiglio_Direttivo_del_26.02.2015.pdf

2015-02-09

Chiarimenti del CNF sulla Mediazione

Circolare contenente alcune FAQ tra le quali quelle relativa all'opportunità di inserire nel verbale di primo incontro chi vuole proseguire oltre e chi no.

chiarimenti_CNF_mediazione.pdf

2015-01-31

Comunicazione all'utenza

In merito alla sentenza del TAR Lazio n. 01351/2015 e al pagamento delle spese di avvio di 40 Euro, oltre IVA (art. 16, commi 2 e 9, del d.m. 180/2010), si invita l'utenza a leggere l'allegato sotto riportato.

COMUNICAZIONE_ALLUTENZA.pdf

Clicca sul link qui sotto per scaricare il modulo di iscrizione al seminario:

Modulo_di_iscrizione_SEMINARIO_AVVOCATI_-_corso_evoluto_Mod.doc


2014-10-02

Incompatibilità e conflitti di interesse: le novità del DM 139/2014

Il nuovo DM 139/2014 pubblicato in GU n. 221 del 23/09/2014 ed entrato in vigore il 24/09/2014 introduce nuove e più stringenti incompatibilità per il mediatore e per gli avvocati in mediazione. Pur sollevando numerosi dubbi e perplessità, si ritiene opportuno portare a conoscenza il testo estratto del DM. Si informa altresì che nella sezione MODULISTICA è stato necessario apportare alcune modifiche ai moduli per rispondere al nuovo dettato normativo. In attesa della conversione in legge, è giunta già notizia che sono stati presentati oltre 400 emendamenti all'intero DM. In attesa di novità si riporta sotto il testo relativo alle incompatibilità:

 Art. 6                            

Integrazioni   1. Dopo l'articolo 14 del decreto del Ministro della  giustizia  18 ottobre 2010, n. 180, e successive integrazioni e  modificazioni,  e' inserito il seguente:    

«Articolo 14-bis (Incompatibilita' e conflitti di  interesse). 

- 1. Il mediatore non puo' essere parte ovvero rappresentare o in  ogni modo assistere parti in procedure di mediazione dinanzi all'organismo presso cui e' iscritto o relativamente al quale e'  socio  o  riveste una  carica  a  qualsiasi  titolo;   il   divieto   si   estende   ai professionisti soci, associati ovvero che esercitino  la  professione negli stessi locali.   2. Non puo' assumere la funzione di mediatore colui il quale ha  in corso ovvero ha avuto negli ultimi due  anni  rapporti  professionali con una delle parti, o quando una delle parti e' assistita o e' stata assistita negli ultimi due anni da professionista di lui socio o  con lui associato ovvero che ha esercitato la  professione  negli  stessi locali; in ogni caso costituisce condizione  ostativa  all'assunzione dell'incarico di mediatore la ricorrenza di una delle ipotesi di  cui all'articolo 815, primo comma,  numeri  da  2  a  6,  del  codice  di procedura civile.   3. Chi ha svolto l'incarico  di  mediatore  non  puo'  intrattenere rapporti professionali con una delle parti se non sono decorsi almeno due anni dalla definizione del procedimento. Il divieto si estende ai professionisti soci, associati ovvero  che  esercitano  negli  stessi locali.».

2013-12-12

Circolare del CNF sulla Mediazione

Il Consiglio Nazionale Forense ha inviato venerdì scorso agli Organismi di mediazione istituiti presso gli Ordini forensi (ormai giunti a 122 sul territorio nazionale ) una circolare (C-25-2013), in allegato, con alcuni necessari chiarimenti sulla procedura di mediazione per il superamento di conflitti alla luce delle nuove norme introdotte con il decreto “del fare” I temi affrontati sono:

 -la competenza territoriale dell’Organismo di mediazione

 -l’assistenza tecnica degli avvocati

 -il primo incontro di mediazione

 -l’accordo conciliativo che abbia ad oggetto diritti immobiliari con riferimento ai profili relativi alla usucapione

Per leggere la circolare clicca il file pdf qui sotto:

circolare_cnf_9.12.2013.pdf

2013-10-16 

DAL 20 SETTEMBRE RIPARTE LA MEDIAZIONE OBBLIGATORIA

Dopo l’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del decreto legge recante misure urgenti in materia di crescita (c.d. “decreto del fare” pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 144 dello scorso 21 giugno) che, in particolare, disciplinava le misure in materia di mediazione civile e commerciale e prevedeva la reintroduzione della mediazione obbligatoria, ecco ora nel dettaglio le modifiche apportate al d.lgs. 4 marzo 2010, n. 28, contenute nell'art. 84 del Capo VIII, rubricato "Misure in materia di mediazione civile e commerciale" del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, coordinato con la legge di conversione 9 agosto 2013, n. 98, recante: "Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia", pubblicato nella G.U. n. 194 del 20 agosto 2013.
Pertanto, a partire dal 20 settembre, ritorna la mediazione obbligatoria per le seguenti materie:diritti reali, divisioni, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di azienda, contratti assicurativi, bancari e finanziari, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria, da diffamazione a mezzo stampa o altro mezzo di pubblicità.
Resta esclusa, rispetto al passato, solo la mediazione in materia di risarcimento danni da circolazione stradale (RCA).